martedì, gennaio 28, 2020

Luce

Buio
Rughe che coprono parole
Buio
Sospiri appesi 
Al soffitto delle nostre paure 
Un tonfo sordo
Cade la tua dignità
E io non mi fermo a raccogliere le tue scuse di carta
Buio
Sento il vento prendermi i capelli 
E pettinarli avidamente su questo prato di foglie secche
Apro le braccia
Il sole freddo cerca rifugio tra gli occhi
I piedi sono come sospesi nel vuoto
Volo
Come un pettirosso su granelli di neve soffice
Buio
Mai ci fu più bella emozione
Oggi mi risveglio 
E le lacrime segnano questo passaggio sulle guance
Buio
Cone un fiore non colto che cerca la libertà 
Caduta libera
Vedo luce oltre questa pelle
Rinasco
E chiedo solo di poter sentire la tua voce
Per legarla in eterno al mio cuore 
Intreccia la tua mano dolce con la mia mano coraggiosa
E saltiamo insieme 
Non c'è ritorno
Solo luce intorno


mercoledì, gennaio 22, 2020

Porte

Porte
Aperte sul mondo che cade
Gocce
Silenziose di sale piovigginoso
Frammenti
Di ricordi spazzati via dal dolore
Lacrime
Di dolcissimi sorrisi
Nascosti tra le righe sanguinanti
Porte
Di mani tese ad accogliere questo amore
Oltre i limiti del nostro padrone
Al di là di ogni legge personale
Porte
Che schiudono i miei occhi
E come un raggio di sole il mio sorriso
Ti accoglie oltre il buio che stai attraversando
Io sarò sempre qui, sulla soglia, in piedi
Ad aspettarti cone ho sempre fatto
Su questa porta dove ho inciso i nostri segreti
A ricordarti che non sei solo a confrontarti con questo dolore
Delicatamente ti accarezzerò il viso
E senza dire nulla te ti accoglierò sotto questo cielo che grida libertà
Per raccogliere i pezzi di un mondo che cade dritto su di noi

lunedì, gennaio 20, 2020

In un giorno d'inverno

Aggrappata ai miei desideri 
Ingabbiata dalle mie paure
Ti ho atteso per ore sul quadrante dell'orgoglio 
Il vento ha stropicciato i miei vestiti 
E la pioggia ha lavato via ogni colpa
Ti ho atteso per giorni
Con il libro di poesie tra le mani
In piedi sulla porta della mia esistenza fragile
Per troppo tempo ho creduto che fossi tu ciò che volevo da un uomo
Per poi rendermi conto amaramente 
Che rappresenti solo la copia inesatta dei miei sogni
Aggrappata a ricordi frammentati 
Ingabbiata da un passato sbagliato e troppo ingannevole
Ti ho perso immediatamente 
Nel momento in cui ho confessato a me stessa
La realtà di cui fosse composta la tua anima solitaria 
Poca dolcezza scavata dai tagli
Troppa empatia nascosta da cumuli di delusioni infantili 
Ti ho salutato in un giorno d'inverno 
Sulla soglia della mia esistenza rinnovata 
Oggi mi volto indietro solo per raccogliere un poco di malinconia
Imbottigliarla tra i vasi di parole che a volte rileggo 
E poi tornare a scrivere un capitolo nuovo 
Tra le foto scattate in questa tempesta 
Che nasconde luci di immensa bellezza 
Nascoste oltre le barriere della mia tristezza 

Delicato

Delicata presenza Voce costante Paziente attesa Su questo cuore pulsante Delicata mano Che accarezza  Che sorregge Che protegge Questo cuore...